Best bookmaker bet365 Bonus

Menu

Wimbledon:Quinzi è in finale

L'attesa ha fatto schioccare esattamente quest'anno la 26esima ricorrenza dall'ultimo italiano in finale a Wimbledon jr. Era il 1987 e Diego Nargiso batteva l'australiano Stoltenberg per 7-6 6-4. Da quell'anno tanti tentativi, alcuni anche ben ponderati (Trevisan e Fabbiano gli ultimi) ma mai più da quell'anno un italiano in finale nel torneo cadetto. C'è da dire che molti di quei finalisti o anche vincitori poi di strada ne hanno fatta poca (Romain Valant o il britannico Kasiri) ma altri si sono dilettati a riscrivere qualche pagina di storia (Federer nel 1998) oppure ad esserne comprimari (Monfils, Chardy, Melzer, Dimitrov).

Il 2013 è l'anno di Gianluigi Quinzi, stella che brilla di luce propria classe 1996 che ha estromesso nella giornata odierna il pupillo di casa Kyle Edmund (accreditato dai bookmakers come il papabile vincitore della competizione) per 6-4 6-4. Tra incitamenti e imprecazioni in un misto tra spagnolo e italiano Quinzi ha condotto e portato a casa una partita magistrale, degna delle aspettative che la gente sta riponendo su di lui. L'Italia sta sognando grazie alle sue prestazioni e se lo merita.

Il marchigiano fa valere ancora la sua legge per cui difficilmente perde due volte consecutive con lo stesso avversario e la sconfitta, prematura, al Roland Garros dello scorso anno contro il britannico è prontamente vendicata, per giunta sulla sua superficie e con il suo pubblico. Un 6-4 6-4 maturato all'interno di due set combattuti con un Quinzi mastodontico e con la raffigurazione del grande campione, la capacità di giocare alla perfezione i punti importanti (come dimostra la miriade di pallebreak annullate dal favorito numero 6 del seeding). Al contrario a Quinzi basta un break per parziale, ottenuto sfruttando 2 delle 3 palle break avute a disposizione. Assolutamente chirurgico nei momenti chiave, innalzando prepotentemente il livello di gioco quando la situazione lo richiedeva.

Un Quinzi nettamente migliorato anche rispetto alla prestazione a volte un po' opaca di ieri e segnatevi il suo rovescio in controtempo perchè sul veloce farà male anche non più agli Junior. Ora la finale contro il vincente il koreano Chung.  Lo spera tutta l'Italia della racchetta per domani. Alla fine sognare non costa nulla e la penisola è rinomata per esser posto di santi, poeti e navigatori. Da oggi anche un po' più tennisti.

Torna in alto

The Best bookmaker bet365

COMPETIZIONI

  • Tutte le competizioni FIT MARCHE

IL PORTALE

  • Il Portale Tennismarche.net
  • Collabora con noi
  • Privacy
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Utilizziamo cookie essenziali e di parti terze per migliorare i prodotti e i servizi offerti nella nostra pagina web attraverso l’analisi delle tue abitudini di navigazione. Proseguendo darai il consenso alla loro installazione ed utilizzo. Visualizza Privacy